Tuttologia e la Semantica del “Se-Invece-di”

Esisteva una volta il Bar, istituzione nazionale ove la gente si riuniva per condividere pensieri ed idee, per lo piu’ inutili e di argomento calcistico. Oggigiorno esistono i social networks che svolgono la stessa funzione ma senza le noccioline, l’aperitivo e i gelati confezionati.

Oltre ad essere la valvola di sfogo delle frustrazioni di molti, il mezzo di supporto morale per gli “amici” che condividono con noi link di frasi intelligenti ma non muoverebbero una paglia se dovessimo finire sotto un tram, facebook rappresenta il palcoscenico ideale per i Tuttologhi di ogni risma.

Il tuttologo è l’esperto in ogni campo, colui che non ha bisogno di informarsi, colui che è piu’ esperto dei professionisti perchè lui… è un esperto della vita. Il Tuttologo la sa lunga, egli ha la soluzione a tutti i problemi se solo lo lasciassero fare. Le sue frasi preferite sono: “Fosse-per-me…“, “Te-lo-dico-io-che…“, “Seee-povero-ingenuo“, e a volte “Se-ci-fosse-ancora-Lui…”.

Il Tuttologo è un diffidente, per ogni cosa esiste sempre un secondo fine, niente si fa per niente. Se il Tuttologo incontra un Entusiasta che propone un progetto egli puo’ smontarlo in due minuti, ma non ne proporrà mai uno suo.

Se una disgrazia accade, la colpa è sempre dello Stato, che invece di aiutare i terremotati, gli alluvionati nazionali aiuta gli emigrati. Il “se-invece-di”! Come se le due cose fossero connesse, come se una cosa escludesse l’altra e soprattutto come se fosse vero, quando il massimo del senso critico del Tuttologo proviene dalla lettura di “Quattroruote“.

Il Tuttologo dispensa consigli, promuove soluzioni semplici e radicali, come l’odio razziale. Egli saprebbe come migliorare la vita di tutti, ma non fa attivamente nulla per cambiare le cose. Si siede sulla panchina ad osservare sputando amaro su una società che non lo merita, incitando il prossimo a seguire il suo esempio.

Ma le comari di un paesino
non brillano certo in iniziativa
le contromisure fino a quel punto
si limitavano all’invettiva.

Si sa che la gente dà buoni consigli
sentendosi come Gesù nel tempio,
si sa che la gente dà buoni consigli
se non può più dare cattivo esempio.

Così una vecchia mai stata moglie
senza mai figli, senza più voglie,
si prese la briga e di certo il gusto
di dare a tutte il consiglio giusto.

E rivolgendosi alle cornute
le apostrofò con parole argute:
“il furto d’amore sarà punito-
disse- dall’ordine costituito”.

(cit. De Andrè)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s